';

Fujikawa TAMENOBU (attivo nel 1890/1914) – KANBARA, QUINDICESIMA STAZIONE DELLA TOKAIDO

Descrizione

xilografia a colori di mm 220×335
della serie: TOKAIDOCHU HIZAKURIGE (A piedi sulla Tokaido) – 1890

Dopo il furto subito la sera prima Yaji e Kita giungono all’ostello privi di soldi. Per loro fortuna il corteo di un daimyo giunge di lì a poco. Approfittando della confusione Kita riesce ad intrufolarsi all’interno ed ottiene un pasto gratuito, prima di ricongiungersi al compagno riesce a sottrarre un po’ di riso avvolgendolo in un tovagliolo. Quella sera incontrano un uomo proveniente da Edo diventato pellegrino a causa di un rovescio finanziario. “Spesso ad Edo c’è un forte vento ed essendo la città molto polverosa, ho pensato che questa sarebbe finita negli occhi della gente accecandola, quindi tutti queste persone cieche avrebbero voluto imparare a suonare lo shamisen, per cui i liutai sarebbero stati molto impegnati ed un gran numero di gatti sarebbero stati uccisi per fabbricare lo strumento. Vista la penuria di gatti i topi si sarebbero riprodotti in gran numero rosicchiando tutte le scatole fino a distruggerle per cui il commercio di scatole sarebbe fiorito. Ho quindi investito tutti i miei soldi in scatole che poi sono rimaste invendute”.